BLOG | GIORNALE YIN & YANG

BLOG |  GIORNALE YIN & YANG
A CURA DI © Gαbriєℓα Bαℓαj

Anima Spirito

La nostra Anima comunica con noi!
<<Non ha senso andare nella direzione opposta del tuo stato d'animo.>> - M. Mazzantini, Nessuno si salva da solo
“… i processi del sistema inconscio sono ‘fuori dal tempo’, cioè non sono ordinati nel tempo, non mutano col trascorrere del tempo. Il rapporto col tempo riguarda il sistema della coscienza” (S.Freud). Forse è per questo che, soprattutto nel pensiero occidentale, così intriso di razionalismo e determinismo, è difficile ammettere una complementarietà tra uomo e cosmo, e che esista un livello di realtà “altro” che esula dal principio di causalità. Ma l’odierna fisica atomica ci conduce ad una visione del reale assai simile alla visione intuitiva dei mistici orientali, quindi i fenomeni sincronistici non sembrano più così oscuri dal momento che spazio e tempo formano un continuum, materia ed energia sono intercambiabili, osservatore ed osservato interagiscono e formano un tutt’uno. Queste spiegazioni scientifiche danno conferma a ciò che C. G. Jung chiamava Sincronicità (il ripetersi ed incrociarsi degli eventi secondo modalità acasuali).
A livello di Fisica Quantistica la realtà è dunque coinvolta in una specie di danza astratta caratterizzata da un’armonia degli opposti, simmetria e anti-simmetria, e quello che più stupisce è che avviene senza alcuna causa materiale.
Ma non sembra che ci si debba fermare a questo: secondo certi modelli di cosmologia quantistica, l’universo prima della sua nascita era in realtà un “multiverso”, costituito da un numero sconfinato di universi paralleli coesistenti che si trovavano in stato di entanglement tra loro. E non è finita. Fisici teorici come Brian Josephson, fisici sperimentali come Robert Jahn, e psicologi sperimentali come Dean Radin e Roger Nelson, ritengono che i cosiddetti “poteri telepatici” e i casi di “coscienza collettiva”, non solo siano eventi reali ma anche che essi rappresentino uno stato di entanglement tra le coscienze di due o più persone separate, le quali così riescono a comunicare in maniera istantanea in base ad un meccanismo fisico simile alla risonanza. In sintesi, l’entanglement è una proprietà teoricamente e sperimentalmente dimostrata delle particelle elementari, ma alcuni indizi piuttosto recenti fanno ritenere che esso si realizzi in una forma speciale anche nella scala biologica, nella scala psichica e nella scala cosmologica. Ora che la scienza riesce a trovare delle conferme è più facile comprendere per le persone che esistono delle capacità latenti in tutti gli esseri umani. Queste percezioni extra-sensoriali sono i sensi Animici, cioè gli strumenti dell’Anima, così come il corpo fisico possiede i 5 sensi fisici. La sincronicità diviene quindi, oltre che un fenomeno riconosciuto e quindi significativo, anche dal punto di vista scientifico, un modo di comunicare. La nostra Anima comunica con noi e ci da risposte o ci fornisce indizi e suggerimenti. Quando durante la giornata quindi ci troviamo a che fare, ad esempio, con nomi ricorrenti che in quel preciso momento vanno a integrarsi con delle domande a cui ci eravamo posti, ecco una sincronicità. Facciamo un’esempio. Se siamo innamorati di una ragazza “Angelica” e ci domandiamo se è Lei la donna della nostra vita, ci può capitare che: « mentre le emozioni e il viso della nostra innamorata ci riempiono la mente e ci scaldano il cuore, ecco un manifesto pubblicitario di un film…. “Angelica” è la protagonista principale!» Questo tipo di coincidente significative è un messaggio che la nostra Anima ci fa pervenire ma che però non bisogna che ci tragga in inganno. Magari di queste sincronicità relative alla nostra amata ne possiamo avere anche più di una e che quindi ci confermerebbero senza ombra di dubbio che è Lei la nostra amata. Importante è l’azione però nella materia a cui si deve dare seguito affinché i messaggi che ci arrivano, e che sono ancora nei piani sottili, scendano e si concretizzino sul piano materiale. Questo è il modo corretto di procedere. Stare in ascolto e cogliere i vari tipi di messaggi. Prenderne atto ma senza interpretarli. Perché la nostra Mente potrebbe fuorviarci e farci arrivare a delle conclusioni, magari a quelle che “noi” vogliamo! A questo punto agiamo sulla materia e nell’esempio precedente lavoriamo per far si che la nostra amata lo diventi anche sul piano materiale e non lo rimanga su quello eterico. Svolgere quindi un’azione significativa nella direzione verso cui tendiamo. La nostra anima troverà il modo di fornirci la giusta ispirazione! -  Tratto da viverenews.it
 “…guardate quante difficoltà interferiscono nella vostra comprensione, quante complicazioni, quante banalità. I vostri pregiudizi, le vostre paure, le vostre autorità, le vostre chiese nuove e vecchie; io dico che tutto questo è un ostacolo alla comprensione. Non riesco a esprimerlo più chiaramente di così. Non voglio che siate d’accordo con me, non voglio che mi seguiate, voglio che comprendiate quello che dico. Questa comprensione è necessaria, perché i vostri credi non vi hanno trasformato, vi hanno soltanto creato complicazioni, perché non siete disposti ad affrontare le cose così come sono.
Voi volete soltanto i vostri dei – nuovi dei al posto di quelli vecchi, nuove religioni invece delle vecchie, nuove forme al posto delle vecchie, tutte cose ugualmente inutili, tutte barriere, limitazioni, stampelle. Al posto delle vecchie distinzioni spirituali e dei vecchi oggetti di venerazione ne avete di nuovi.
Come ho detto prima, il mio scopo è di rendere l’uomo incondizionatamente libero, perché sostengo che l’unica spiritualità è l’incorruttibilità del sè che è eterno, è l’armonia fra la ragione e l’amore. Questa è l’assoluta, incondizionata verità, che è la vita stessa.
Per scrivere le vostre lettere usate una macchina, ma poi non la mettete su un altare per venerarla; eppure è questo che fate quando le organizzazioni diventano il vostro interesse principale.” - Copyright ©1980 KrishnamurtiFoundation America
« Dove mai ho letto che un condannato a morte, un'ora prima di morire, diceva o pensava che, se gli fosse toccato vivere in qualche luogo altissimo, su uno scoglio, e su uno spiazzo così stretto da poterci posare soltanto i due piedi, - avendo intorno a sé dei precipizi, l'oceano, la tenebra eterna, un'eterna solitudine e una eterna tempesta, e rimanersene così, in un metro quadrato di spazio, tutta la vita, un migliaio d'anni, l'eternità, - anche allora avrebbe preferito vivere che morir subito? Pur di vivere, vivere, vivere! Vivere in qualunque modo, ma vivere!... Quale verità! Dio, che verità! È un vigliacco l'uomo!... Ed è un vigliacco chi per questo lo chiama vigliacco. » (Tratto da Delitto e castigo di Fëdor Dostoevskij)
 Dostoevskij, condannato a morte, era stato graziato qualche giorno prima della condanna ma era stato comunque fatto salire sul patibolo prima di comunicarglielo, all'ultimo istante.
 "Una delle prime cose da osservare sono le nostre bugie, illusioni, convinzioni errate,punti di vista sbagliati e cosi via. Tutte queste debbono essere studiate perchè finchè non cominciamo a comprendere le nostre illusioni, non potremo mai vedere la verità . In ogni cosa dobbiamo fin dal principio separare le nostre illusioni dai fatti. Soltanto allora sarà possibile vedere se possiamo realmente apprendere qualcosa di nuovo. " - P. D. Ouspensky
 "Il più grande inganno alla base delle sofferenze umane, deriva dalle loro stesse opinioni." - Leonardo Da Vinci

"L'amore è un obbligo per la crescita spirituale. Inoltre, l'amore funziona come uno specchio. E' estremamente difficile conoscere se stessi, a meno che non si sia visto riflesso il proprio volto negli occhi di chi ci ama. Come devi guardarti in uno specchio per vedere il tuo volto fisico, devi guardare nello specchio dell'amore per vedere il tuo volto spirituale. L'amore è uno specchio spirituale. Nutre, integra, prepara al viaggio interiore, ti ricorda il tuo volto originale". – Osho

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Leggi altri articoli di questo blog